Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Cambio nome e/o cognome

A differenza di quanto avviene in Sud Africa, dove il cambio di nome o cognome può essere ottenuto attraverso una semplice procedura amministrativa, in Italia i cambi e/o le modifiche del nome o cognome sono concessi solo in circostanze eccezionali, e la richiesta deve essere accompagnata da adeguata documentazione e basata su validi e giustificati motivi.

L’articolo 89 del D.P.R. 3 novembre 2000, n. 396, prevede il cambio di nome o cognome e/o l’aggiunta di un nome o cognome perché il nome/cognome originario è ridicolo o vergognoso, ovvero rivela l’“origine naturale” della persona.

L’autorità competente è il Prefetto della Provincia del luogo di residenza o di quello nella cui circoscrizione è situato l’ufficio dello stato civile dove si trova l’atto di nascita al quale la richiesta di riferisce. Nel caso di cittadini italiani residenti all’estero iscritti all’AIRE, il Prefetto competente è quello che ha giurisdizione sul Comune AIRE di riferimento.

La domanda di cambio nome/cognome deve essere presentata al Consolato Generale d’Italia a Johannesburg. Dovranno essere allegate le copia dei documenti di identità italiano e sudafricano. La domanda è soggetta al pagamento di tre imposte di bollo.

Il richiedente dovrà allegare tutta la documentazione rilevante, apostillata dal DIRCO e debitamente tradotta in italiano.

Il Prefetto valuterà la richiesta. Se ricorrono i requisiti prescritti, il Prefetto emetterà un decreto che autorizza il Consolato Generale ad affiggere all’albo il sunto della domanda.

Durante il periodo di affissione (dieci giorni), chiunque ritenga di avere interesse può presentare opposizione alla domanda.

Trascorso tale termine il Prefetto emetterà il decreto definitivo. Il richiedente dovrà richiedere al Consolato Generale d’Italia a Johannesburg l’invio del decreto definitivo al Comune AIRE. Al richiedente sarà richiesto il pagamento di una tassa per la registrazione del Decreto.